Blog del Panificio Chicco
sfondi




AnimazioneBottega Esterno negozio Interno negozio

Panificio Teresa e Claudio Chicco home page

Debito, crisi, denaro, guerre, Nuovo Ordine Mondiale...

La proprietà letteraria degli scritti riportati in questo sito è di Claudio Chicco, Via Rivalta, 3/b BEINASCO (TO), il quale ne permette la citazione di brani, citando fonte ed autore e NON ne permette il SUNTO, se non in una versione concordata con l'autore. Per questo fine usare l'apposito form " contatti". Gli articoli pubblicati nel sito possono essere non attendibili. Non mi assumo alcuna responsabilità per contenuto degli articoli di altri autori. La responsabilità dei testi e del loro contenuto è unicamente dei rispettivi autori. Eventuali commenti postati sono a responsabilità di chi li ha postati.
Questo sito NON viene aggiornato con regolarità periodica, per cui NON può essere considerato una testata giornalistica di informazione. Quello che viene espresso dall'autore è libera opinione dello stesso autore, garantita come diritto dall'Art.21 della Costituzione Italiana.

Blog del Panificio Teresa e Claudio Chicco

Pane tipo "ciabatta", ovvero..."a tutta biga".[1]


      

Un rappresentante di farina mi ha insegnato a produrre questo tipo di pane, che stava diventando in quel tempo di moda, grosso modo agli inizi degli anni ottanta, quando ero ancora, come panificatore, un "pivellino" che stava cercando di imparare il mestiere.
      Ma si finisce mai di imparare questo nostro mestiere?
      Devo dire che allora, qui nel "nord", era una idea un poco rivoluzionaria, mettersi a produrre questo tipo di pane, che veniva dal "profondo sud", tanto è vero che molti fornai mettevano sui propri scaffali prodotti di questo tipo, acquistati da panifici industriali "specializzati" in questo tipo di prodozione, magari spacciandoli per "produzione propria". Sto parlando degli anni ottanta/novanta, ovviamente, ché in seguito han dovuto imparare più o meno tutti questo metodo, che ha soppiantato letteralmente il pane piemontese che si produceva prima, per ovvi motivi di immigrazione e di gusto.
       Ma il risultato, quando riuscisse alla perfezione tutto il processo, dal primo impasto fino alla cottura, appaga pienamente per il gusto e la genuinità.
      Devo prima spiegare cosa sia la "biga".
       Si tratta di un pre-lievito preparato il giorno prima, che viene aggiunto all'impasto finale. Il procedimento era conosciuto anche qui da noi al nord, tanto è vero che lo facevo già, avendolo imparato dal mio primo maestro che fu il mio compianto padrino, lo zio Giovanni, fratello della mia mamma.
      Viene preparato un impasto a lievitazione lenta (=con poco lievito di birra; con 15/20 grammi di lievito si possono produrre 15/20 chilogrammi di pane![2]), generalmente nel pomeriggio del giorno precedente la lavorazione vera e propria. Si tratta di un impasto piuttosto "duro" (=meno acqua rispetto a un impasto finale) fatto con farina di forza, che dovrebbe dare gusto e vigore all'impasto finale.
      La novità, nel caso del pane tipo ciabatte, è che non si dovrebbe aggiungere altra farina fresca all'impasto finale, con qualche piccola eccezione stagionale a questa regola di base. Da qui il nome di impasto tutta biga.
      Anche se la difficoltà di questa lavorazione è grande, in quanto si tratta di prevedere il futuro delle prossime 15/20 ore per temperatura e condizioni climatiche, il risultato di questo metodo risulta appagante in tutti i sensi e rivela l'abilità del fornaio. Il gusto che può formarsi soltanto con la lievitazione "lenta" è davvero unico! Ma il pregio maggiore di questo metodo di lavorazione è la digeribilità del pane così ottenuto.
      Quando si inizia la lavorazione si riprende re-impastando la biga, aggiungendo soltanto acqua e sale, con le dovute eccezioni che si imparano soltanto in lunghi anni di pratica.
      Ovviamente questo impasto deve essere senza grassi aggiunti, concetto che molti riassumono con la dicitura "pane all'acqua" oppure "pane acqua e sale".
      Le forme che si producono con questo impasto, non sono soltanto quelle delle ciabatte classiche, piatte e lunghe, ma svariate, a seconda della fantasia del fornaio: bastoncini lunghi e corti, triangoli, quadrati, rettangoli, pane "arabo", sottile e vuoto all'interno e così via... fino al rustico di tipo più grande tipo "autostrada" o micca tondeggiante. L'impasto in questione è ottimo anche per pizze e focacce.
      Con questo stesso metodo, ma con un impasto di sola semola rimacinata di grano duro, si può produrre il pane "siciliano", con semi di sesamo in superficie, che sono ottimi apportatori di calcio, anche se sarebbe ottimale consumarli crudi i semi di sesamo, a questo scopo.
      Col tempo ho imparato a produrre anche tipi di pane "nordici", come biove e rosette soffiate, anch'esse senza grassi aggiunti, con la pasta tutta biga dell'impasto delle ciabatte. Pane che prima producevo con un impasto a parte.



      

Pane di tipo '0' e semola.

Ingredienti:
       Farina di grano tenero tipo '0', acqua, semola rimacinata di grano duro, glutine di frumento, sale, lievito, malto.




       Note:
       [1] Molti colleghi vendono il pane fatto con biga (ciabatte), come pane a lievitazione naturale. La differenza è fondamentale per il fatto che la biga viene prodotta con lievito di birra industriale! Mancando questo pane del gusto leggermente acidulo della lievitazione naturale, costoro si fanno belli del fatto che sembrano più abili dei loro concorrenti maggiormente onesti!
       E non è raro, anzi sembra essere la norma, che i disonesti abbiano maggior successo economico di quegli altri meschini.
      [2] Il che rientra nella mia strategia della genuinità prima di tutto e a tutti i costi, forte della convinzione che il pane era migliore quando non c'erano interessi commerciali a "spingere" i fornai a produrre il pane con quantità industriali di lievito compresso, che sicuramente non fa bene alla salute. I lieviti sono "vivi" e si riproducono, se si dà loro il tempo di farlo. E in questa riproduzione lenta di lieviti, matura il gusto del pane genuino, senza bisogno per il consumatore moderno, di andare a cercare questa genuinità dai colleghi delle vallate alpine, dove si va nei fine settimana, pensando che là esista il mondo magico con i sapori di una volta. È stata l'idea moderna e della fretta di produrre e guadagnare di più a spingere anche i fornai all'uso indiscriminato di lievito industriale, l'idea americana del "fast food, il "cibo veloce", a cui io e molti altri preferiamo il cibo lento!
       Ma chi è in grado di capire, non necessita di queste spiegazioni; chi non è in grado di capire non capirà mai.




Commenta questo articolo.

       Tengo molto ad avere commenti e riscontri, anche, soprattutto, da chi non concorda con quanto scrivo.
   Il fatto di dover inserire la mail non ti spaventi: NON SARAI PERSEGUITATO DA NESSUNA "MAILING LIST", ne' tantomeno, la tua mail sarà venduta a scopo commerciale ne' pubblicata.
       Ricordo brevemente le regole base di qualsiasi blog:
       Niente insulti e volgarità (verranno cancellati commenti di questo tipo!).
       Dopo aver premuto "INVIO", verrai reindirizzato ad una pagina nella quale devi postare le lettere delle immagini, per dimostrare di non essere un robot.
       Se tutto va a buon fine, verrai nuovamente reindirizzato alla pagina che hai commentato, con in fondo, dopo questo "form", il tuo nuovo commento.

Nome utente (Obbligatorio *)

Cognome
(Se vuoi apparire te stesso!)

Indirizzo email (Obbligatorio * - Tranquillo! NON verrà pubblicato.
La mail la devi mettere in ogni altro blog!)


Postato da claudio Il 2019-11-03 09:11:28

Devo dire che questo tipo di pane, per me è il più buono in assoluto, anche se consiglio tutti di mangiare dei pani integrali e ai cereali misti, che sono molto ricchi di fibre che fanno bene alla salute.


Blog del Panificio Chicco Debito, crisi, denaro, guerre, Nuovo Ordine Mondiale...

La proprietà letteraria degli scritti riportati in questo sito è di Claudio Chicco, Via Rivalta, 3/b BEINASCO (TO), il quale ne permette la citazione di brani, citando fonte ed autore e NON ne permette il SUNTO, se non in una versione concordata con l'autore. Per questo fine usare l'apposito form " contatti". Gli articoli pubblicati nel sito possono essere non attendibili. Non mi assumo alcuna responsabilità per contenuto degli articoli di altri autori. La responsabilità dei testi e del loro contenuto è unicamente dei rispettivi autori. Eventuali commenti postati sono a responsabilità di chi li ha postati.
Questo sito NON viene aggiornato con regolarità periodica, per cui NON può essere considerato una testata giornalistica di informazione. Quello che viene espresso dall'autore è libera opinione dello stesso autore, garantita come diritto dall'Art.21 della Costituzione Italiana.