Blog del Panificio Chicco
sfondi




AnimazioneBottega Esterno negozio Interno negozio

Panificio Teresa e Claudio Chicco home page

Debito, crisi, denaro, guerre, Nuovo Ordine Mondiale...

La proprietà letteraria degli scritti riportati in questo sito è di Claudio Chicco, Via Rivalta, 3/b BEINASCO (TO), il quale ne permette la citazione di brani, citando fonte ed autore e NON ne permette il SUNTO, se non in una versione concordata con l'autore. Per questo fine usare l'apposito form " contatti". Gli articoli pubblicati nel sito possono essere non attendibili. Non mi assumo alcuna responsabilità per contenuto degli articoli di altri autori. La responsabilità dei testi e del loro contenuto è unicamente dei rispettivi autori. Eventuali commenti postati sono a responsabilità di chi li ha postati.
Questo sito NON viene aggiornato con regolarità periodica, per cui NON può essere considerato una testata giornalistica di informazione. Quello che viene espresso dall'autore è libera opinione dello stesso autore, garantita come diritto dall'Art.21 della Costituzione Italiana.

Blog del Panificio Chicco

Novità- A come... -

A Non a trubulo nen a fè i fòi[1].
Commento di un nonese doc alla sfilata di carnevale in piena quaresima.

Brano da:
Elisir d'amore - Atto I°, scena quinta.
Gaetano Doninzetti
Libretto di Felice Romani [2]

       Un sentito ringraziamento al collega di Martiniana Po, nonese, per l'aiuto fornito, a tutti i panificatori e agli alimentaristi di None e di tutti i paesi dei vari possibili percorsi, da Martiniana Po (CN) fino a None -ben cinquanta chilometri di percorso, come si evince dalla mappa di Google-, per per l'approvigionamento dei prodotti alimentari e di sussistanza ai suddetti paesi.
Giulian1
       Grazie! Senza di te non ce la faremmo da soli.
       Poiché "l'aiuto" continua da più di un decennio, si sentirebbe la necessità di un riconoscimento ufficiale per l'operato svolto.
       Immaginiamo la sua pesante giornata lavorativa: con grande spirito di abnegazione, la notte a produrre pane, grissini e prodotti da forno, il giorno a viaggiare, sulla sua auto, stipata come doveva essere il carro di Dulcamara, di ogni ben di Dio...
    ...in questo faticoso lavoro di tentata vendita itinerante questuante, che ricorda i carri dei venditori nei film western di cianfrusaglie per i nativi americani, o i venditori di inizio novecento, che giravano per cascine e zone rurali.
       Possiamo trovare di tutto all'interno dell'auto: dai prodotti da forno, alla pasticceria fresca; dalla frutta e verdura ai salumi di sua produzione, preparati nei laboratori dei prodotti da forno. Giulian3.jpg
       Ma tutto questo è legale? Rispetta le più elementari norme di igiene, il fatto che alimenti tanto disparati viaggino sfusi nell'esiguo spazio del suo furgone? Emette scontrini fiscali?
          Possibile che una cosa illegale da ogni punto di vista possa continuare impunemente per più di dieci anni?


...ABUSIVISMO!


      Note:

       [1] A None non tribolano a fare gli stupidi.
       [2]Gruppo Editoriale Bramante s.r.l. Viale Bianca Maria, 19 20122 MILANO- La grande Lirica Leggendarie interpretazioni. Distribuzione ME.PE. Viale Famagosta, 75 20145 MILANO.
       La voce di Dulcamara è di Fernando Corena; Adina Hilde Gueden; Giannetta Luisa Mandelli; Nemorino Giuseppe Di Stefano; Belcore Renato Capecchi. Coro e Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. Direttore Francesco Molinari-Pradelli. Registrazione effettuata nel 1955.

Blog del Panificio Chicco

SCENA QUINTA

      Dottore Dulcamara sopra un carro dorato, in piedi, avendo in mano delle carte e delle bottiglie. Dietro ad esso un servitore che suona la tromba. Tutti i paesani lo circondano.

DULCAMARA:

       Udite, udite, o rustici;
       Attenti, non fiatate.
       Io già suppongo e immagino
       Che al par di me sappiate
       Ch'io sono quel gran medico,
       Dottore enciclopedico
       Chiamato Dulcamara,
       La cui virtù preclara,
       E i portenti infiniti
       Son noti all'Universo...e in altri siti.
       Benefattor degli uomini,
       Riparator de' mali,
       In pochi giorni in sgombero.
       Io spazzo gli ospedali,
       E la salute a vendere
       Per tutto il mondo io vo.
       Compratela, compratela,
       Per poco io ve la do.
       Ê questo l'odontalgico
       Mirabile liquore
       Dei topi e delle cimici
       Possente distruttore.
       I cui certificati
       Autentici, bollati,
       Toccar, vedere e leggere
       A ciaschedun farò.
       Per questo mio specifico
       Simpatico, prolifico,
       Un uom settuagenario
       E valetudinario,
       Nonno di dieci bamboli
       Ancora diventò.
       Per questo
Tocca e sana
       In breve, settimana
       Più d'un'afflitta vedova
       Di piangere cessò.
       O voi, matrone rigide,
       Ringiovanir bramate?
       Le vostre rughe incomode
       Con esso cancellate.
       Volete voi, donzelle,
       Ben liscia aver la pelle?
       Voi, giovani galanti,
       Per sempre aver amanti?
       Comprate il mio specifico,
       Per poco ve lo do.
       Ei move i paralitici;
       Spedisce gli apopletici,
       Gli asmatici, gli asfitici,
       Gl'isterici, i diabetici,
       Guarisce i timpanitidi,
       E scrofole e rachitidi,
       E fino al mal di fegato
       Che in moda diventò.
       Comprate il mio specifico,
       Per poco ve lo do.
       L'ho portato per la posta
       Da lontano mille miglia,
       Mi direte: quanto costa?
       Quanto vale la bottiglia?
       Cento scudi?...trenta?...venti?...
       No...nessuno si sgomenti.
       Per provarvi il mio contento
       Di sì amico accoglimento,
       Io vi voglio, o buona gente,
       Uno scudo regalar.

      

CORO:
      

       Uno scudo? veramente
       Più brav'uom non si può dar.

DULCAMARA:

       Ecco qua: così stupendo,
       Sì balsamico elisire,
       Tutta Europa sa ch'io vendo
       Niente men di nove lire:
       Ma siccome è pur palese,
       Ch'io son nato nel paese,
       Per tre lire a voi lo cedo:
       Sol tre lire a voi richiedo;
       Così è chiaro come il sole,
       Che a ciascuno che lo vuole,
       Uno scudo bello e netto
       In saccoccia faccio entrar.
       Ah! di patria il caldo affetto
       Gran miracoli può far.

      

CORO:

       Ê verissimo: porgete.
       Gran Dottore che voi siete!
       Noi ci abbiam
       Del vostro arrivo
       Lungamente a ricordar.


Commenta questo articolo.

       Tengo molto ad avere commenti e riscontri, anche, soprattutto, da chi non concorda con quanto scrivo.
   Il fatto di dover inserire la mail non ti spaventi: NON SARAI PERSEGUITATO DA NESSUNA "MAILING LIST", ne' tantomeno, la tua mail sarà venduta a scopo commerciale ne' pubblicata.
       Ricordo brevemente le regole base di qualsiasi blog:
       Niente insulti e volgarità (verranno cancellati commenti di questo tipo!).
       Dopo aver premuto "INVIO", verrai reindirizzato ad una pagina nella quale devi postare le lettere delle immagini, per dimostrare di non essere un robot.
       Se tutto va a buon fine, verrai nuovamente reindirizzato alla pagina che hai commentato, con in fondo, dopo questo "form", il tuo nuovo commento.

Nome utente (Obbligatorio *)

Cognome
(Se vuoi apparire te stesso!)

Indirizzo email (Obbligatorio * - Tranquillo! NON verrà pubblicato.
La mail la devi mettere in ogni altro blog!)


Blog del Panificio Chicco Debito, crisi, denaro, guerre, Nuovo Ordine Mondiale...

La proprietà letteraria degli scritti riportati in questo sito è di Claudio Chicco, Via Rivalta, 3/b BEINASCO (TO), il quale ne permette la citazione di brani, citando fonte ed autore e NON ne permette il SUNTO, se non in una versione concordata con l'autore. Per questo fine usare l'apposito form " contatti". Gli articoli pubblicati nel sito possono essere non attendibili. Non mi assumo alcuna responsabilità per contenuto degli articoli di altri autori. La responsabilità dei testi e del loro contenuto è unicamente dei rispettivi autori. Eventuali commenti postati sono a responsabilità di chi li ha postati.
Questo sito NON viene aggiornato con regolarità periodica, per cui NON può essere considerato una testata giornalistica di informazione. Quello che viene espresso dall'autore è libera opinione dello stesso autore, garantita come diritto dall'Art.21 della Costituzione Italiana.