Blog del Panificio Chicco
sfondi




AnimazioneBottega Esterno negozio Interno negozio

Panificio Teresa e Claudio Chicco home page

Debito, crisi, denaro, guerre, Nuovo Ordine Mondiale...

La proprietà letteraria degli scritti riportati in questo sito è di Claudio Chicco, Via Rivalta, 3/b BEINASCO (TO), il quale ne permette la citazione di brani, citando fonte ed autore e NON ne permette il SUNTO, se non in una versione concordata con l'autore. Per questo fine usare l'apposito form " contatti". Gli articoli pubblicati nel sito possono essere non attendibili. Non mi assumo alcuna responsabilità per contenuto degli articoli di altri autori. La responsabilità dei testi e del loro contenuto è unicamente dei rispettivi autori. Eventuali commenti postati sono a responsabilità di chi li ha postati.
Questo sito NON viene aggiornato con regolarità periodica, per cui NON può essere considerato una testata giornalistica di informazione. Quello che viene espresso dall'autore è libera opinione dello stesso autore, garantita come diritto dall'Art.21 della Costituzione Italiana.

StampaMoncale

Panifici, crisi economica, figli...
   

   Venerdì, 14 luglio 2017.
    Riporto un articolo da La Stampa di Torino del 6 luglio 2017.

Dalla panetteria alla maturità, la doppia vita della studentessa modello

   Gloria ha trasformato il suo lavoro e la passione di tre generazioni in una tesina sull'importanza sociale del pane, tra letteratura e storia

    Gloria non sente nemmeno più il profumo del pane. Solo al mattino, quando lo carica in macchina ancora caldo, prima delle consegne. Sabato scorso, ad esempio. L'antivigilia dell'orale di maturità, preparato come ogni altra verifica: un po' in cassa, un po' alla scrivania. La panetteria dei Fissore è un buco, in piazza Caduti della Libertà, a Moncalieri. A certe ore c'è la coda fuori. Se servono i rinforzi Gloria lascia i libri, saluta e sorride: «Chi c'è da servire?». 
   La specialità sono gli stirati... Leggi tutto l'articolo su La Stampa


   

    Che dire?
    Sono cose che abbiamo vissuto anche noi. Sembrerebbe impossibile, ma anche i panettieri, nonostante un ritmo di lavoro serrato, snervante, che impegna a tutte le ore, anche le meno probabili, hanno famiglia, figli che aiutano, nonostante i loro impegni di studio o di lavoro...
    Ma non è come farsi aiutare da un figlio (detto al di fuori del genere), per esempio a stirare, a lavare i piatti, a pulire casa, a lavare l'auto. No, in panetteria non si è in privato, si è sotto gli occhi di molte istituzioni che vorrebbero metterci il naso, in quella particolare famiglia dei panettieri! Questo a causa di un pregiudizio diffuso, che vede il lavoratore autonomo come un soggetto sempre in difetto, di fronte al fisco, allo Stato, di fronte agli altri lavoratori, dipendenti. Allora i "controllori", a qualunque ente appartengano, divengono immediatamente sospettosi, non considerando che magari, in quel particolare momento in cui si trova al banco a servire, un figlio, non si tratti che di una sostituzione momentanea.
    Sto parlando di INPS, Ispettorato del Lavoro, INAIL, Camera di Commercio, Agenzia delle Entrate. Servire i clienti e dare il resto o aiutare a fare una pizza non è come stirare o lavare l'auto: diventa subito lavoro nero, evasione fiscale e/o di contributi, reati gravi.
    Il plauso va a questi premurosi figli che aiutano, comprendendo le fatiche di chi, per crescerli, mandarli a scuola, all'università, fa sacrifici immani, che non possono essere conosciuti da chi lavora come dipendente o al di fuori della cerchia familiare dei panificatori.
    Senza nulla togliere ai meriti ed problemi dei lavoratori diversi dal panettiere, dalla panettiera e dai loro figli.
    È un mestiere che va scomparendo e, quando Gloria dice :

   "Ma non lasceremo chiudere il negozio, porteremo avanti la tradizione..."

   merita un plauso ben maggiore, perché comprende anche un, anzi "il" problema, che più assilla questi artigiani: essere in via di estinzione.
    L'estinzione dell'artigianato è ineluttabile come la morte, in un mondo in cui conta soltanto il profitto. Il futuro del pane e dell'alimentazione in generale è nell'industria. Non so perché mi viene in mente "Mondo nuovo" di Aldous Huxley, dove il cibo, in quel futuro(?!) mondo viene preparato industrialmente, sotto forma di gallette. I principali fornitori di quelle industrie alimentari sono le pombe funebri!
    Ma, senza per ora arrivare a queste esagerazioni, si veda quel che si dice del cibo delle grandi industrie alimentari.
    Un plauso anche a La Stampa, per l'attenzione alla categoria. Sono sicuro che non hanno però riflettuto sulle implicazioni del lavoro nero e evasione fiscale. A meno che, ma fatico a credere che in un simile momento di crisi, quel panificio abbia tutti i figli, studenti e laureati, in regola sul libro paga...


Commenta questo articolo.

       Tengo molto ad avere commenti e riscontri, anche, soprattutto, da chi non concorda con quanto scrivo.
   Il fatto di dover inserire la mail non ti spaventi: NON SARAI PERSEGUITATO DA NESSUNA "MAILING LIST", ne' tantomeno, la tua mail sarà venduta a scopo commerciale ne' pubblicata.
       Ricordo brevemente le regole base di qualsiasi blog:
       Niente insulti e volgarità (verranno cancellati commenti di questo tipo!).
       Dopo aver premuto "INVIO", verrai reindirizzato ad una pagina nella quale devi postare le lettere delle immagini, per dimostrare di non essere un robot.
       Se tutto va a buon fine, verrai nuovamente reindirizzato alla pagina che hai commentato, con in fondo, dopo questo "form", il tuo nuovo commento.

Nome utente (Obbligatorio *)

Cognome
(Se vuoi apparire te stesso!)

Indirizzo email (Obbligatorio * - Tranquillo! NON verrà pubblicato.
La mail la devi mettere in ogni altro blog!)


Postato da Gloria Il 2021-04-02 13:08:19

Grazie mille per il bel commento all'articolo. Ho potuto vedere solo ora. Fa sempre piacere vedere il sostegno di chi realmente può comprendere la fatica di ogni giorno. Con immensa gratitudine, Gloria